Terrapene carolina

Terrapene Carolina

Terrapene carolina

Linnaeus,1758-Eastern Box Turtle

 

DISTRIBUZIONE e HABITAT

Ampia distribuzione dal Maine del sud fino alla Florida e ad ovest al Michigan,Illinois,Kansas,Oklahoma e Texas.In alcuni stati del Messico settentrionale.

Ambienti con alto tasso di umidita’:boschi allagati,radure,praterie,campi e zone paludose.Zone con clima temperato e piogge frequenti.

DIMESIONI

Piccole: variano dai 13 cm ai 22 cm a seconda della sottospecie.

ABITUDINI

Tartaruga che trascorre la giornata ricercando cibo.Non ama rimanere al sole ma preferisce rifugiarsi in zone d’ombra o tra i cespugli. In caso di pericolo si chiude come una vera scatola,grazie alle sue cerniere mobili. Particolarmente intelligente e di indole tranquilla.

LETARGO

Dipende dalla zona di diffusione e dalle diverse sottospecie. Alcune riducono l’attività altre trascorrono un vero e proprio letargo. In cattività è consigliabile non mandarle in letargo il primo anno e tenerle attive.

ALLEVAMENTO

Paludario con ampia parte terrestre costituita da torba,terrificio,muschio e foglie secche.Contenitore con acqua bassa.Molti nascondigli e piante sempreverdi.Temperatura tra i 22-24°C e zona piu calda a 30°C. Nebulizzatore spesso. La soluzione ideale è tenerle all’aperto in un recinto con parti soleggiate e zone d’ombra,piante basse,cespugli e una parte acquatica molto bassa,annaffiando per mantenere il terreno umido.

ALIMENTAZIONE

Onnivora:lombrichi,insetti,lumache,frutta e vegetali vari. In cattività è opportuno variare il più possibile. Gli adulti apprezzano maggiormente i vegetali

RIPRODUZIONE

Più deposizioni annue circa 4-6 uova ciascuna. Incubazione a 26-30°C, elevata umidità per 60-90 giorni. Sono spesso necessarie variazioni di umidità e temperatura per ottenere maggior numero schiuse.

CURIOSITA’

Tartarughe molto interessanti da allevare. Le sottospecie più diffuse in commercio sono T.c.triunguis,T.c.carolina e T.c.major. L’allevamento è consigliato solo ad allevatori esperti.Inserita in CITES in Appendice II

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *